Prosegue la conferenza dei Servizi......

Gentili interessati e simpatizzanti,
la conferenza dei Servizi riguardo le emissioni dell'impianto di
ASFALTO, tenutasi ieri presso la Provincia di Modena, PROSEGUE,
con un prossimo incontro tra il 10-15 settembre.
Dunque, chi non avesse ancora inviato la lettera di protesta, è
ancora in tempo a far sentire la SUA VOCE, e ad inoltrare la
lettera di protesta ad ARPA, USL e Provincia. Sotto seguono gli
indirizzi email e il fac-simile di lettera (modificabile a
piacere) che è già circolato.
Segue anche uno "Stato della Conferenza", sulla base delle
testimonianze di chi ha partecipato.
                       Stato della Conferenza.
 Dopo le prime due Conferenze, tenutesi il 30 luglio ed il 20
 agosto, alle "censure" tecniche presentate dai Comitati
 ambientalisti, non è ancora stata data risposta scritta. Questo è
 segno evidente che le argomentazioni presentate rappresentano
 problemi concreti.
 A parole gli enti "preposti" stanno recependo le ns. osservazioni,
 ma ovviamente rimangono dell'idea di autorizzare l'impianto .
 Ricordo che la Conferenza è stata indetta dalla Provincia di
 Modena su richiesta del Sindaco di Savignano, il quale, assieme al
 Sindaco di Bazzano, ha condiviso le preoccupazioni sulla salute e
 sull'ambiente, segnalate dal Comitato Bazzanese Ambiente e Salute
 e dal Comitato Tutela Territorio di Savignano. Fortunatamente oggi
 abbiamo 2 amministrazioni che la pensano come noi, rimane da
 rimediare lo sbaglio commesso dalla precedente amministrazione di
 Savignano, sulla localizzazione dell'impianto in un buco di cava.
 Noi stiamo già "affilando" i prossimi esposti al Sindaco di
 Savignano, poi si vedrà.
 Intanto abbiamo il tempo di fare la nostra Fiaccolata per la
 Salute del 7 settembre ....

Scrivi commento

Commenti: 0

NOVITA'


Forza Bassa...




LIBERA INFORMAZIONE



Per sempre amici......


Ciao Gigi, grazie e ancora grazie amico caro.....


CHI LOTTA PUO' PERDERE, CHI NON LOTTA HA GIA' PERSO.......(Guevara)

Ciao amico Bustelli, chissà se riusciremo ancora a percorrere tutti insieme le strade delle nostre campagne, le vie della nostra terra... come quando quel giorno, ci guidavi per farci vedere quanto è bella e importante...e quanto è importante difenderla da chi la vuole distruggere...

E’ difficile pensare che persone che popolano questa bellissima terra e che dipendano da essa, riescono a sacrificarla con delle manovre politiche capaci di distruggere senza riguardo e sentimento, senza rispetto della popolazione che la abita …



CON UN VOTO CORAGGIOSO TUTTO SI SAREBBE FERMATO, E SAREBBE RIMASTO SOLO UN BEL RICORDO O UN BEL FUMETTO...




UN PENSIERO...!

Piumazzo è un paese tranquillo e laborioso.Il suo unico bene è la terra,fertile e bella. Viviamo tempi difficili per l’agricoltura, ma non difficilissimi: la terra è sempre fedele.

Ma abbiamo anche l’oro grigio, la ghiaia,che sta sotto la terra: è lei che la drena e rende buono il terreno e ricche d’acqua le falde. La sensibilità odierna, non equilibrata, vuole salvare i fiumi, allontanandovi le cave, ma non pensa a salvare le campagne.

Domani si pentiranno, ma sarà troppo tardi. La nostra terra sarà morta per sempre, non più coltivata, buona non si sa per cosa.

La terra non è una merce come le altre, richiede un particolare rispetto, perché ha in sé qualcosa di sacro.

Il progetto estrattivo approvato dagli organi competenti va bene per aree depresse e in abbandono. A noi non sembra di essere così.

don Remo Resca

 


I CAVATORI SONO ANCHE SPONSOR DEGLI EVENTI

La Granulati Donini s.p.a. , rimane una delle piu importanti e imponenti società di scavo che lavora nella nostra Provincia......chissà perché compare nel tabellone principale della festa del PD, anno 2009...? 


5216 operai, 158.658 mc di terra in sei mesi, per fare le fondamenta del Colosseo, originariamente conosciuto come Anfiteatro Flavio.  Solo a Piumazzo vengono rimossi 5.450.000 mc , ridotti del 35% (-1.000.000 mc) grazie al lavoro del comitato, ma nonostante tutto con le quantità rimaste ,potremmo ricostruire le basi per 28 colossei simili a quello Romano.