Un milione per la casa inquinata....

Da una lettera d'un amico

www.ModenaQui.it
14-01-2010

Un milione per la casa inquinata dall’inceneritore
La comprerà il Comune. Il proprietario è malato da tempo

Un milione centomila euro.
E’ questa la cifra per la quale il Comune ha acquistato una casa in via Cavazza, a pochi metri dall’inceneritore, il cui rogito dovrebbe avvenire proprio in questi giorni.
La ragione ufficiale della spesa è che in quel terreno dovrà sorgere il nuovo deposito degli atti storici del Comune.
Ma pare invece si tratti dell’epilogo silenzioso di una controversia iniziata più di dieci anni fa tra la famiglia proprietaria della casa e l’amministrazione.
Una vicenda fatta di visite in Comune, appelli al sindaco e tonnellate di lettere «Una volta questa era la zona più bella di Modena - racconta con nostalgia l’interessato - poi è arrivato l’inceneritore».
E ha portato con sè polveri, inquinamento e rumore.
«Quando hanno costruito la seconda linea del termovalorizzatore è stato fatto uno studio, secondo il quale a un chilometro di raggio dall’inceneritore non potevano vivere animali, piante e neanche uomini.
E nel raggio di due chilometri si registrava il 50% in più di inquinamento.
Ma lei vede dove viviamo? Ci dicevano avete ragione, ma non ci sono i soldi...» aggiunge.
Esasperata, la famiglia ha dato tutto in mano ad un avvocato.
E, a giudicare dall’accordo raggiunto, sembra che le loro ragioni siano state finalmente ascoltate.
A smuovere gli amministratori, a quanto pare, sarebbe stata una cartella clinica che ha fatto capolino in mezzo alle carte legali.
Si tratta di quella del padre di famiglia, lavoratore agricolo, che da vent’anni respira, lavora e mangia polveri sottili.
Anche attraverso la frutta e la verdura che coltiva.
Da anni l’uomo lamenta diversi sintomi, male ai muscoli, artrite, polmonite.
Ma del fatto che l’aria che si respirava non facesse così bene, l’uomo si era accorto già molto tempo prima.
Da quando gli animali, avevano iniziato a traslocare e a smettere di riprodursi: «Di allevare conigli ho smesso, perché non conveniva più.
Le coniglie avevano smesso di figliare.
Le rondini se ne sono andate via tutte, meno una coppia, che continua a tornare ogni anno.
Ma i loro piccoli non sopravvivono: fanno il nido e i piccoli invece di volare via cadono morti dal nido.
Avevamo una scrofa che ha abortito.
Sono sparite le lucciole, le falene e i passerotti...», racconta.
Gli animali se ne sono andati.
L’uomo, animale intelligente, secondo il Comune può restare senza problemi.
Caterina Giusberti 

www.modenaQui.it

14-01-2010
A esaminare i tessuti tossici usciti dall’inceneritore e annidati nei polmoni dell’interessato è stata Antonietta Gatti, specialista in nano patologie e direttrice del laboratorio Nanodiagnostic (protagonista dell’accanita battaglia con la Onlus reggiana Bortolani per il possesso del microscopio di ricerca acquistato grazie ad una campagna di Beppe Grillo) che ha messo a punto una tecnica per andare a verificare una possibile ‘esposizione ambientale all’interno dei tessuti’.
Di cosa si tratta? «Il nostro corpo ha bisogno di ossigeno per respirare - spiega la dottoressa - ma dentro l’aria possono esserci anche delle polveri molto tossiche.
Se andiamo in un cementificio sappiamo quello che respiriamo, ma delle polveri che escono dall’inceneritore non conosciamo esattamente la tossicità, perché dipende da che cosa viene bruciato».
Quali sintomi possono dare nano particelle tossiche a chi le respira? « Uno dei più comuni è la sterilità, la sindrome del ‘burning semel disease’- spiega la Gatti - In pratica le polveri entrano nel corpo, in questo caso nello sperma, generando la perdita della fertilità nell’uomo, che la può trasmettere anche alla sua compagna.
Ma nel peggiore dei casi la malattia può evolvere in maniera sistemica causando danni molto importanti».

Scrivi commento

Commenti: 0

NOVITA'


Forza Bassa...




LIBERA INFORMAZIONE



Per sempre amici......


Ciao Gigi, grazie e ancora grazie amico caro.....


CHI LOTTA PUO' PERDERE, CHI NON LOTTA HA GIA' PERSO.......(Guevara)

Ciao amico Bustelli, chissà se riusciremo ancora a percorrere tutti insieme le strade delle nostre campagne, le vie della nostra terra... come quando quel giorno, ci guidavi per farci vedere quanto è bella e importante...e quanto è importante difenderla da chi la vuole distruggere...

E’ difficile pensare che persone che popolano questa bellissima terra e che dipendano da essa, riescono a sacrificarla con delle manovre politiche capaci di distruggere senza riguardo e sentimento, senza rispetto della popolazione che la abita …



CON UN VOTO CORAGGIOSO TUTTO SI SAREBBE FERMATO, E SAREBBE RIMASTO SOLO UN BEL RICORDO O UN BEL FUMETTO...




UN PENSIERO...!

Piumazzo è un paese tranquillo e laborioso.Il suo unico bene è la terra,fertile e bella. Viviamo tempi difficili per l’agricoltura, ma non difficilissimi: la terra è sempre fedele.

Ma abbiamo anche l’oro grigio, la ghiaia,che sta sotto la terra: è lei che la drena e rende buono il terreno e ricche d’acqua le falde. La sensibilità odierna, non equilibrata, vuole salvare i fiumi, allontanandovi le cave, ma non pensa a salvare le campagne.

Domani si pentiranno, ma sarà troppo tardi. La nostra terra sarà morta per sempre, non più coltivata, buona non si sa per cosa.

La terra non è una merce come le altre, richiede un particolare rispetto, perché ha in sé qualcosa di sacro.

Il progetto estrattivo approvato dagli organi competenti va bene per aree depresse e in abbandono. A noi non sembra di essere così.

don Remo Resca

 


I CAVATORI SONO ANCHE SPONSOR DEGLI EVENTI

La Granulati Donini s.p.a. , rimane una delle piu importanti e imponenti società di scavo che lavora nella nostra Provincia......chissà perché compare nel tabellone principale della festa del PD, anno 2009...? 


5216 operai, 158.658 mc di terra in sei mesi, per fare le fondamenta del Colosseo, originariamente conosciuto come Anfiteatro Flavio.  Solo a Piumazzo vengono rimossi 5.450.000 mc , ridotti del 35% (-1.000.000 mc) grazie al lavoro del comitato, ma nonostante tutto con le quantità rimaste ,potremmo ricostruire le basi per 28 colossei simili a quello Romano.