Il TAR blocca il "mostro" che sputa veleno........

Fiaccolata davanti all'impianto
Fiaccolata davanti all'impianto

Ore 18 di venerdi 21 gennaio: il TAR ci ha dato ragione sull’impianto di asfalto ed ha annullato tutti gli atti amministrativi da noi impugnati!

La sentenza del Tribunale non lascia dubbi, non siamo più solo noi ad affermarlo ma sono i giudici a metterlo nero su bianco, viene riconosciuta la fondatezza delle nostre accuse nei confronti della Provincia di Modena:

“ECCESSO DI POTERE PER CONTRADDITTORIETA’ E PERPLESSITA’ CIRCA L’ITER AUTORIZZATORIO – ECCESSO DI POTERE PER TRAVISAMENTO DEI FATTI IN ORDINE ALLO SVOLGIMENTO DELLA CONFERENZA DI SERVIZI – VIOLAZIONE DEGLI ARTT. 16 E 17 DELLA LEGGE 241/1990″

” VIOLAZIONE DELL’ART. 269 D.LGS. 152/2006 – ECCESSO DI POTERE PER TRAVISAMENTO DEI FATTI E FALSITA’ DEL PRESUPPOSTO IN RELAZIONE ALLA PRETESA NATURA “NON SOSTANZIALE” DELLE MODIFICHE AUTORIZZATE”

Il TAR ha così sentenziato ( vedi il documento N. 00049/2011 REG.PROV.COLL. – N. 01076/ 2009 REG.RIC. ):

Il Tribunale Amministrativo Regionale per l’Emilia – Romagna, sez. II, accoglie il ricorso in epigrafe indicato e, per l’effetto, annulla tutti i provvedimenti impugnati con il ricorso introduttivo ed i motivi aggiunti di ricorsoCondanna la provincia di Modena e la società controinteressata al pagamento delle spese di causa a favore dell’associazione Italia Nostra ricorrente che si liquidano in complessivi Euro 12.000 (dodicimila), di cui Euro 6.000 (seimila) a carico della provincia di Modena ed Euro 6.000 (seimila) a carico della società controinteressata, oltre C.P.A. ed I.V.A.. Spese compensate nei confronti del comune di Savignano.” 

 

Non è poco, anzi significa tantissimo! Significa che avevamo ragione! Il rispetto delle regole non tocca solo ai cittadini ma tocca anche, soprattutto, alle istituzioni. In particolare, coloro che sono preposti alla tutela della salute non possono “prendere scorciatoie”. Il TAR ha sancito che l’amministrazione provinciale ha sbagliatoperchè non ha applicato correttamente le procedure. La Provincia di Modena ha esercitato un eccesso di potere, contravvenendo alle regole imposte dalla normativa, con un atteggiamento che conforta unicamente le logiche economiche, a dispetto dei principi di precauzione che in materia di ambiente e salute devono sempre prevalere!

Oggi, i cittadini di una frazione come Magazzino, testimoni negli ultimi decenni del sacrificio del loro territorio per attività ambientalmente discutibili da parte delle amministrazioni di Savignano e Bazzano, hanno vinto la loro battaglia per il rispetto della legalità.

Quei cittadini inossidabili, che hanno deciso di rimanere o di ritornare ad abitare in un territorio vessato da cave, discariche di amianto, discariche di rifiuti speciali, lavorazione di bitumi, fumi di ceramiche e di prodotti petroliferi trasformati in plastica, oggi possono sentirsi un pò piu’ orgogliosi. La loro è una scelta difficile, dettata dall’amore per le loro radici e per una terra che ha dato futuro alle loro famiglie. Una terra che merita molta più attenzione di quella che le istituzioni le hanno rivolto.  Per questi valori, che rappresentano un profondo rispetto per le nostra storia, per la dignità dell’uomo e del suo ambiente, ci batteremo sempre con forza!

Grazie alle tante persone che hanno appoggiato e condiviso questa lotta per la democrazia e la legalità. Un ringraziamento particolare va ad Italia Nostra, per il suo fondamentale sostegno ad ideali comuni.

 

Comitato Bazzanese Ambiente e Salute

 

 

Egregio Vaccari, visto che non avete informativa..!! potete consultare i siti dei comitati , divenuti oggi unici luoghi d'informazione...

Download
sentenza del TAR
sentenza-tar-21-01-11.pdf
Documento Adobe Acrobat 97.1 KB

Scrivi commento

Commenti: 0

NOVITA'


Forza Bassa...




LIBERA INFORMAZIONE



Per sempre amici......


Ciao Gigi, grazie e ancora grazie amico caro.....


CHI LOTTA PUO' PERDERE, CHI NON LOTTA HA GIA' PERSO.......(Guevara)

Ciao amico Bustelli, chissà se riusciremo ancora a percorrere tutti insieme le strade delle nostre campagne, le vie della nostra terra... come quando quel giorno, ci guidavi per farci vedere quanto è bella e importante...e quanto è importante difenderla da chi la vuole distruggere...

E’ difficile pensare che persone che popolano questa bellissima terra e che dipendano da essa, riescono a sacrificarla con delle manovre politiche capaci di distruggere senza riguardo e sentimento, senza rispetto della popolazione che la abita …



CON UN VOTO CORAGGIOSO TUTTO SI SAREBBE FERMATO, E SAREBBE RIMASTO SOLO UN BEL RICORDO O UN BEL FUMETTO...




UN PENSIERO...!

Piumazzo è un paese tranquillo e laborioso.Il suo unico bene è la terra,fertile e bella. Viviamo tempi difficili per l’agricoltura, ma non difficilissimi: la terra è sempre fedele.

Ma abbiamo anche l’oro grigio, la ghiaia,che sta sotto la terra: è lei che la drena e rende buono il terreno e ricche d’acqua le falde. La sensibilità odierna, non equilibrata, vuole salvare i fiumi, allontanandovi le cave, ma non pensa a salvare le campagne.

Domani si pentiranno, ma sarà troppo tardi. La nostra terra sarà morta per sempre, non più coltivata, buona non si sa per cosa.

La terra non è una merce come le altre, richiede un particolare rispetto, perché ha in sé qualcosa di sacro.

Il progetto estrattivo approvato dagli organi competenti va bene per aree depresse e in abbandono. A noi non sembra di essere così.

don Remo Resca

 


I CAVATORI SONO ANCHE SPONSOR DEGLI EVENTI

La Granulati Donini s.p.a. , rimane una delle piu importanti e imponenti società di scavo che lavora nella nostra Provincia......chissà perché compare nel tabellone principale della festa del PD, anno 2009...? 


5216 operai, 158.658 mc di terra in sei mesi, per fare le fondamenta del Colosseo, originariamente conosciuto come Anfiteatro Flavio.  Solo a Piumazzo vengono rimossi 5.450.000 mc , ridotti del 35% (-1.000.000 mc) grazie al lavoro del comitato, ma nonostante tutto con le quantità rimaste ,potremmo ricostruire le basi per 28 colossei simili a quello Romano.