COMUNICATO LISTA CIVICA FRAZIONI E CASTELFRANCO:PAL

PAL: POVERO OSPEDALE! E POVERI NOI !

 

Abbiamo letto sulla stampa le ultime proposte dei cosiddetti “tecnici” (scelti a Modena dai partiti) riguardanti il nostro Ospedale e il nostro Pronto Soccorso, proposte pericolosamente confermate anche dal nostro Sindaco. Sono il contrario di quanto i cittadini si aspettano e di quanto noi chiediamo, da sempre, per Castelfranco e per i 72mila Cittadini del Distretto. Nonostante la soddisfazione mostrata dal Sindaco (che parla di un “risultato estremamente positivo” ), queste proposte per Castelfranco sono il contrariodi quanto il Sindaco e tutti noi Consiglieri Comunali, in due distinte mozioni, avevamo pubblicamente votato il 24 novembre 2010: il rafforzamento dei Servizi e Reparti e la riaperturadelProntoSoccorsodinotte(pericolosamente chiuso da oltre 4 anni) ovviamente affidato,comedigiorno,a medicie infermiericompetenti (cioè dell'emergenza-urgenza)!

 

Basti dire che nella propostadeitecnici” la Riabilitazione Cardiologica scompare (sarà chiusa), il fondamentale Reparto Medicina, già oggi insufficiente, viene ulteriormente ridotto togliendo 20 letti (anziché aggiungerli, come invece noi da sempre chiediamo) e il resto della medicina diventa (sempre con soddisfazione mostrata dal Sindaco) Lungodegenza e addirittura Lungoassistenza senza medici. Resta la day-surgery. Per il Pronto Soccorso di notte si parla (e la paura aumenta) di “modelli variabili”!

 

Queste micidiali proposte vanno ora, insieme a tutto il PAL 2011/13, al lento vaglio del Presidente della Provincia e dei 7 Sindacicapi-Distretto, tra cui il nostro Sindaco che, per quanto ad ora ci è dato leggere, sembra già soddisfatto (e intantoilnostroProntoSoccorsoogninotterestapericolosamentechiuso!!!).Già, per il nostro Sindaco sembra essere giusto che Castelfranco non abbia un vero ospedale, un ospedale con almeno qualche reparto di eccellenza e con un Pronto Soccorso (non una mera guardia medica o qualcosa di analogo), come è normale che sia, sempre aperto.

Noi ci dissociamo fermamente da tali proposte e progetti sull'ospedale e il Pronto Soccorso di Castelfranco. Come sempre, c'è la nostra disponibilità a collaborare, ma non per finti ritocchi bensì solamente per il sostanziale cambiamento di quanto proposto. Ma se cambiamento non ci sarà e il Sindaco firmerà un PAL contrario a quanto da lui stesso, insieme a noi, votato, la nostra democratica reazione, e pensiamo anche quella dei Cittadini, sarà fortissima.



Castelfranco Emilia, 19 luglio 2011

I Consiglieri Comunali: avv. Silvia Santunione dott. Ermete M. Campedelli

 


comunicato originale

Scrivi commento

Commenti: 0

NOVITA'


Forza Bassa...




LIBERA INFORMAZIONE



Per sempre amici......


Ciao Gigi, grazie e ancora grazie amico caro.....


CHI LOTTA PUO' PERDERE, CHI NON LOTTA HA GIA' PERSO.......(Guevara)

Ciao amico Bustelli, chissà se riusciremo ancora a percorrere tutti insieme le strade delle nostre campagne, le vie della nostra terra... come quando quel giorno, ci guidavi per farci vedere quanto è bella e importante...e quanto è importante difenderla da chi la vuole distruggere...

E’ difficile pensare che persone che popolano questa bellissima terra e che dipendano da essa, riescono a sacrificarla con delle manovre politiche capaci di distruggere senza riguardo e sentimento, senza rispetto della popolazione che la abita …



CON UN VOTO CORAGGIOSO TUTTO SI SAREBBE FERMATO, E SAREBBE RIMASTO SOLO UN BEL RICORDO O UN BEL FUMETTO...




UN PENSIERO...!

Piumazzo è un paese tranquillo e laborioso.Il suo unico bene è la terra,fertile e bella. Viviamo tempi difficili per l’agricoltura, ma non difficilissimi: la terra è sempre fedele.

Ma abbiamo anche l’oro grigio, la ghiaia,che sta sotto la terra: è lei che la drena e rende buono il terreno e ricche d’acqua le falde. La sensibilità odierna, non equilibrata, vuole salvare i fiumi, allontanandovi le cave, ma non pensa a salvare le campagne.

Domani si pentiranno, ma sarà troppo tardi. La nostra terra sarà morta per sempre, non più coltivata, buona non si sa per cosa.

La terra non è una merce come le altre, richiede un particolare rispetto, perché ha in sé qualcosa di sacro.

Il progetto estrattivo approvato dagli organi competenti va bene per aree depresse e in abbandono. A noi non sembra di essere così.

don Remo Resca

 


I CAVATORI SONO ANCHE SPONSOR DEGLI EVENTI

La Granulati Donini s.p.a. , rimane una delle piu importanti e imponenti società di scavo che lavora nella nostra Provincia......chissà perché compare nel tabellone principale della festa del PD, anno 2009...? 


5216 operai, 158.658 mc di terra in sei mesi, per fare le fondamenta del Colosseo, originariamente conosciuto come Anfiteatro Flavio.  Solo a Piumazzo vengono rimossi 5.450.000 mc , ridotti del 35% (-1.000.000 mc) grazie al lavoro del comitato, ma nonostante tutto con le quantità rimaste ,potremmo ricostruire le basi per 28 colossei simili a quello Romano.