TERRA VIVA 5° EDIZIONE 2012 COMITATO IN PIAZZA

Dopo 5 anni dalla sua nascita il Comitato, ritorna in piazza per il rendez-vous anno 2012. Con la partecipazione di Massimo Valerio Manfredi, Marco Aleotti e Luca Lombroso, per parlare della nostra terra e del suo impetuoso movimento.  

DEDICATO A TUTTE LE PERSONE CHE HANNO CONDIVISO UN MOMENTO DA NON DIMENTICARE, UNITI DA UN BENE COMUNE, LA NOSTRA TERRA...

Valerio Massimo Manfredi(archeologo e scrittore)

 

L'organizzazione del territorio tra Modena e Bologna in età romana”

 

 

 

Marco Aleotti (geologo):

 

L'Italia come il Texas degli anni ‘70. Il Governo vuole petrolizzare l’Italia raddoppiando la produzione interna.Ma il petrolio sta finendo, specie quello facile da estrarre e a basso costo e le intere riserve del nostro Paese non corrispondono nemmeno al fabbisogno di un solo anno. E dopo?”

 

 

 

Luca Lombroso (metereologo):

 

Il riscaldamento globale è inequivocabile e il clima cambia: non è una novità per il pianeta ma la novità è che stavolta la colpa è dell’uomo e sta succedendo tutto troppo in fretta. Anche localmente il clima cambia: aumentano gli eventi estremi e saltano i riferimenti climatici storici: la pianificazione territoriale dovrà tenerne conto, guardando non solo al passato ma anche al futuro...e questo vale ancora di più per la ricostruzione post terremoto!”

 

 

 


Scrivi commento

Commenti: 0

NOVITA'


Forza Bassa...





Per sempre amici......


Ciao Gigi, grazie e ancora grazie amico caro.....


CHI LOTTA PUO' PERDERE, CHI NON LOTTA HA GIA' PERSO.......(Guevara)

Ciao amico Bustelli, chissà se riusciremo ancora a percorrere tutti insieme le strade delle nostre campagne, le vie della nostra terra... come quando quel giorno, ci guidavi per farci vedere quanto è bella e importante...e quanto è importante difenderla da chi la vuole distruggere...

E’ difficile pensare che persone che popolano questa bellissima terra e che dipendano da essa, riescono a sacrificarla con delle manovre politiche capaci di distruggere senza riguardo e sentimento, senza rispetto della popolazione che la abita …



CON UN VOTO CORAGGIOSO TUTTO SI SAREBBE FERMATO, E SAREBBE RIMASTO SOLO UN BEL RICORDO O UN BEL FUMETTO...




UN PENSIERO...!

Piumazzo è un paese tranquillo e laborioso.Il suo unico bene è la terra,fertile e bella. Viviamo tempi difficili per l’agricoltura, ma non difficilissimi: la terra è sempre fedele.

Ma abbiamo anche l’oro grigio, la ghiaia,che sta sotto la terra: è lei che la drena e rende buono il terreno e ricche d’acqua le falde. La sensibilità odierna, non equilibrata, vuole salvare i fiumi, allontanandovi le cave, ma non pensa a salvare le campagne.

Domani si pentiranno, ma sarà troppo tardi. La nostra terra sarà morta per sempre, non più coltivata, buona non si sa per cosa.

La terra non è una merce come le altre, richiede un particolare rispetto, perché ha in sé qualcosa di sacro.

Il progetto estrattivo approvato dagli organi competenti va bene per aree depresse e in abbandono. A noi non sembra di essere così.

don Remo Resca

 


I CAVATORI SONO ANCHE SPONSOR DEGLI EVENTI

La Granulati Donini s.p.a. , rimane una delle piu importanti e imponenti società di scavo che lavora nella nostra Provincia......chissà perché compare nel tabellone principale della festa del PD, anno 2009...?